Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

C'è chi pensa di essere avvelenato o pedinato

ESCE DI CASA, SPIATO DAL KGB

113 intasato da minacce "fantasma"


TREVISO - (nc) Trevigiani terrorizzati da minacce inesistenti, da timori che spesso si rivelano infondati, spesso grotteschi e perfino ridicoli. Sono decine gli interventi di questo tipo effettuati dalle volanti della Polizia. C'è chi chiama il 113 perchè crede di essere spiato tra le mura domestiche e si barrica in casa, chi teme di essere avvelenato con il caffè dei bar che frequenta e chi addirittura pensa di essere pedinato dagli agenti segreti del Kgb. Se tutto ciò non comparisse nero su bianco nei mattinali della Questura di Treviso chiunque penserebbe ad uno scherzo ma così non è. L'ultimo curioso intervento in ordine di tempo risale alla notte tra domenica e lunedì. Un 34enne trevigiano di origini brasiliane chiama terrorizzato il 113 poco dopo le 7.30 raccontando che nel cuore della notte era stato sorpreso nella sua stanza da letto da un fantomatico rapinatore armato di pistola. La Polizia non ha però rinvenuto nessun segno di effrazione. Spiazzante la giustificazione del cittadino agli agenti: il fantomatico bandito si sarebbe materializzato attraverso il muro e di lui sarebbe stato visibile solo il braccio che impugnava l'arma. Insomma più un caso da X files che da squadra volente della Questura. Un altro curioso episodio riguarda un distinto signore trevigiano, convinto di essere intercettato quando parla al telefono: l'uomo sarebbe così convinto di questa tesi che per effettuare una telefonata avrebbe chiesto in prestito il cellulare ad un extracomunitario, pagandolo 5 euro.