Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Datore di lavoro lo scagiona "Era con me"

YARA, FIKRI PRESTO LIBERO

Pm Ruggeri non chiede il carcere per il 22enne


TREVISO - Mohammed Fikri, il 22enne marocchino accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio potrebbe a breve essere rimesso in libertà. Continuano serrate in queste ore le ricerche e le indagini sul giallo di Brembate con una clamorosa svolta. Si è tenuta infatti nel carcere di Bergamo l'udienza di convalida del fermo con il pm Letizia Ruggeri che non ha richiesto al giudice per le indagini preliminari Vincenza Maccora la custodia cautelare in carcere per l'uomo. Il magrebino, difeso dall' avvocato Roberta Barbieri potrebbe dunque già essere rimesso a breve in libertà. A dare avvio alle indagini dei Carabinieri che hanno portato al suo arresto su un traghetto che lo avrebbe portato a Tangeri c'era una frase pronunciata dall'operaio “Allah mi perdoni”. In merito a ciò il cugino dell'uomo, Aberrazzaq, ritiene si sia trattato di un semplice errore di traduzione: l'espressione sarebbe secondo il parente dell'indagato ''un'esclamazione naturale quando si viene attaccati o ci si trova coinvolti in qualcosa di spiacevole''. Ricostruita intanto la vicenda italiana di Mohammed Fikri: il giovane, incensurato, aveva presentato domanda di regolarizzazione come lavoratore subordinato presso la Questura di Mantova, pratica poi effettuata dall'ufficio immigrazione di Padova. Il permesso di soggiorno in suo possesso ha validità fino al 2011. Nel 2009 il marocchino ha lavorato come piastrellista presso una ditta di Vedelago mentre risale al giugno del 2010 la formalizzazione della residenza a Montebelluna in piazza Guarda. Ieri intanto il suo datore di lavoro, Roberto Benozzo, ha fornito un alibi di ferro al 22enne: il giovane, quando la ragazza sparì, era con lui a lavoro.