Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Laura Puppato contro chi ha lo giudicato ingiustamente

YARA, SCARCERATO FIKRI

Il 22enne marocchino ora potrebbe chiedere i danni


TREVISO - Dalle ore 14 Mohammed Fikri, il marocchino residente a Montelluna fermato nei giorni scorsi per la vicenda della scomparsa di Yara Gambirasio, è un uomo libero. Il magrebino, dopo la decisione del gip Vincenza Maccora, ha potuto lasciare il carcere di Bergamo da cui è uscito attraverso un'uscita secondaria per evitare giornalisti e telecamere: sconosciuta la sua destinazione, probabilmente Montebelluna. Nei suoi contronti continueranno le indagini: gli inquirenti sono convinti infatti che il 22enne abbia comunque avuto un ruolo nella vicenda. Ad ogni modo non mancano dai oggettivi che con ogni probabilità lo scagionano dall'aver materialmente rapito la ragazzina: quando Yara sparì Mohammed si trovava in compagnia del suo datore di lavoro, Roberto Benozzo ed inoltre il viaggio per Tangeri era già stato programmato da tempo. Se la comunità di Montebelluna, in apprensione per la vicenda può tirare un sospiro di sollievo, a Brembate proseguono le ricerche di Yara. Un incubo per ora senza fine. Intanto il legale del 22enne ha fatto sapere che chiederà i danni per l'ingiusta detenzione. Sulla vicenda interviene Laura Puppato, capogruppo in regione per il Pd ed ex sindaco di Montebelluna: ascolta l'audio.