Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Laura Puppato contro chi ha lo giudicato ingiustamente

YARA, SCARCERATO FIKRI

Il 22enne marocchino ora potrebbe chiedere i danni


TREVISO - Dalle ore 14 Mohammed Fikri, il marocchino residente a Montelluna fermato nei giorni scorsi per la vicenda della scomparsa di Yara Gambirasio, è un uomo libero. Il magrebino, dopo la decisione del gip Vincenza Maccora, ha potuto lasciare il carcere di Bergamo da cui è uscito attraverso un'uscita secondaria per evitare giornalisti e telecamere: sconosciuta la sua destinazione, probabilmente Montebelluna. Nei suoi contronti continueranno le indagini: gli inquirenti sono convinti infatti che il 22enne abbia comunque avuto un ruolo nella vicenda. Ad ogni modo non mancano dai oggettivi che con ogni probabilità lo scagionano dall'aver materialmente rapito la ragazzina: quando Yara sparì Mohammed si trovava in compagnia del suo datore di lavoro, Roberto Benozzo ed inoltre il viaggio per Tangeri era già stato programmato da tempo. Se la comunità di Montebelluna, in apprensione per la vicenda può tirare un sospiro di sollievo, a Brembate proseguono le ricerche di Yara. Un incubo per ora senza fine. Intanto il legale del 22enne ha fatto sapere che chiederà i danni per l'ingiusta detenzione. Sulla vicenda interviene Laura Puppato, capogruppo in regione per il Pd ed ex sindaco di Montebelluna: ascolta l'audio.