Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Replica del sindaco Azzolini: "nessuna svendita"

OCCUPATO CENTRO GIOVANI

Blitz dei giovani di Mogliano nella sede di via Barbiero


MOGLIANO - (nc) Il centro giovani di via Barbiero a Mogliano rischia di finire in mano ad un privato o alle banche ed i ragazzi, alcuni legati ai centro sociali, lo occupano, simbolicamente “armati” di pennelli, stucco, vernice e spatole. E' accaduto nel pomeriggio. Il blitz dei ragazzi è scattato alla notizia, ventilata nelle ultime settimane, di una possibile vendita della struttura che dal Comune era già passata nelle mani di una partecipata del Comune, la Spl, che potrebbe risanare così il proprio bilancio. Nel pomeriggio è giunto sul posto anche il sindaco di Mogliano, Giovanni Azzolini (in audio) che ha definito le motivazioni della protesta "solo politiche" ad ha minacciato pesanti provvedimenti. I ragazzi moglianesi hanno emesso un comunicato nel pomeriggio che qui riportiamo: Viviamo nel tempo della crisi strutturale, una crisi profonda che non può essere letta solo attraverso le categorie dell’economico. Questa si presenta piuttosto come un “insieme di crisi” che non solo riduce drammaticamente i diritti nel mondo del lavoro e precarizza sempre più le nostre vite, ma come non mai produce devastazione ambientale e sociale, un immiserimento culturale e una guerra all’intelligenza che danno vita a sentimenti rancorosi e rigurgiti xenofobi, i quali riescono a insinuarsi nelle nostre comunità col risultato di provocare processi di desolidarizzazione che generano paura e insicurezza. Proprio per il carattere nuovo, strutturale e al tempo stesso globale di questa crisi, nessuno può pensare che il territorio nel quale viviamo ci possa proteggere perché “piccolo” o perché abbia già sviluppato degli anticorpi tali da non subire la portata dei suoi effetti collaterali. In questo scenario, non apocalittico ma reale, che interroga tutti e ci parla di un presente che non fa intravedere un futuro migliore, son o necessari come l’aria buona luoghi dove poter immaginare, e costruire, un'altra società, altri modelli di sviluppo e di consumo. E’ partendo da questo ragionamento collettivo, che identifica il centro giovani come uno dei luoghi dove resistere alla crisi e contemporaneamente uno dei beni comuni da salvaguardare e innovare continuamente, che in questi giorni ci apprestiamo a riaprire “LaSvolta” con due giornate ricche di appuntamenti. Arte e musica animeranno gli spazi occupati di via Barbiero per ridare ai ragazzi della città di Mogliano ciò che è costato anni di vita vissuta tra lotte e sogni, desideri e concretezza, ma soprattutto per ribadire un’idea che ha saputo radicarsi nel tessuto sociale della città fino a divenire una ricchezza imprescindibile. Non solo socialità in queste giornate, ci sarà anche il lavoro di manutenzione che s.p.l. non ha mai svolto a legare i ragazzi in questa esperienza. Un bene comune, appunto, costruito da tutti coloro che sulla scia del Summer Nite Love Festival hanno voluto camminare insieme per dare vita a un'alternativa autonoma e libera, dove sperimentare percorsi di indipendenza - dalla produzione culturale e artistica a quella musicale - in una città che di luoghi vivi e pulsanti non ne avrà mai abbastanza. Dal Centro giovani riconquistato “LaSvolta” continuiamo il nostro cammino trasparenti, allegri e in movimento come l’acqua, pronti a raccogliere questa nuova sfida anche di fronte alla (s)vendita di tutti quegli edifici, di proprietà di s.p.l., costati tante energie ai moglianesi, certi che la nostra esperienza maturata attraverso l’incontro di generosità e intelligenza, di cooperazione e mutualismo, di corpi e creatività sarà in grado di affrontare con dignità e determinazione qualsiasi ostacolo le si ponga davanti.