Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato Andrea Furlan, 34enne di Portobuffolè

RUBA IN DITTA, IN MANETTE

L'ex dipendente avrebbe raccimolato 7-8 mila euro


GODEGA SANT'URBANO – (gp) Da sette mesi andava a rubare denaro nella ditta che lo aveva licenziato, ma i carabinieri di Conegliano lo hanno scoperto con le mani nel sacco e arrestato per furto aggravato continuato. A finire in manette Andrea Furlan, 34enne residente a Portobuffolè, che verrà processato per direttissima nei prossimi giorni. L'operaio, assunto come elettricista a tempo indeterminato presso la “Basso e Ravaglia”, ditta di Orsago che si occupa di termoidraulica, era stato licenziato per giusta causa nel giugno scorso. Un paio di settimane prima i titolari dell'azienda avevano notato che dalle casse degli uffici commerciali mancavano piccole quantità di denaro. Ammanchi che nemmeno una telecamera di videosorveglianza è riuscita a spiegare ma i segnali che si trattasse di qualcuno interno all'azienda era chiari: nessun segno di effrazione e azioni rapide messe a segno sempre in pausa pranzo. Così i titolari si sono rivolti ai carabinieri che tramite una telecamera spia hanno incastrato il ladro. Appostati in un ufficio vicino lo hanno sorpreso con le chiavi che utilizzava per entrare nell'azienda e con 140 euro in mano. Negli ultimi sette mesi l'ex dipendente si era appropriato di una cifra tra i 7 e gli 8 mila euro. Una volta arrestato non ha dato spiegazioni del gesto, se non mostrarsi sorpreso di essere stato scoperto.


Galleria fotograficaGalleria fotografica