Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Firmato il nulla osta per il 28enne Christian De Vecchi

MIX DI ALCOL E METADONE

Nessuna inchiesta sulla morte del giovane di Nervesa


NERVESA DELLA BATTAGLIA – (gp) E' stato un mix di metadone e alcol a stroncare Christian De Vecchi, il 28enne di Nervesa della Battaglia trovato senza vita nel suo letto dal padre. Proprio per l'assenza di stupefacenti come causa della morte, la Procura di Treviso non aprirà un'inchiesta per scovare eventuali pusher che avrebbero potuto cedere la dose di droga letale al 28enne, e ha già firmato il nulla osta per la sepoltura. Christian aveva avuto in passato problemi legati alla tossicodipendenza, ma da quel tunnel stava ormai uscendo, tanto che negli ultimi periodi era sotto controllo da parte del Sert di Castelfranco. Un momento di debolezza o forse il fisico già provato non gli hanno però lasciato scampo. Nella casa di via Frati si erano recati i carabinieri per indagare sulla tragica e improvvisa scomparsa del ragazzo, ma gli elementi raccolti non hanno lasciato spazio a dubbi.