Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Firmato il nulla osta per il 28enne Christian De Vecchi

MIX DI ALCOL E METADONE

Nessuna inchiesta sulla morte del giovane di Nervesa


NERVESA DELLA BATTAGLIA – (gp) E' stato un mix di metadone e alcol a stroncare Christian De Vecchi, il 28enne di Nervesa della Battaglia trovato senza vita nel suo letto dal padre. Proprio per l'assenza di stupefacenti come causa della morte, la Procura di Treviso non aprirà un'inchiesta per scovare eventuali pusher che avrebbero potuto cedere la dose di droga letale al 28enne, e ha già firmato il nulla osta per la sepoltura. Christian aveva avuto in passato problemi legati alla tossicodipendenza, ma da quel tunnel stava ormai uscendo, tanto che negli ultimi periodi era sotto controllo da parte del Sert di Castelfranco. Un momento di debolezza o forse il fisico già provato non gli hanno però lasciato scampo. Nella casa di via Frati si erano recati i carabinieri per indagare sulla tragica e improvvisa scomparsa del ragazzo, ma gli elementi raccolti non hanno lasciato spazio a dubbi.