Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nessuna ipotesi di reato a carico del genitore

SUICIDA, IL PADRE NON C'ENTRA

L'arma che ha ucciso Francesco Troyer era nascosta


CONEGLIANO – (gp) La tragedia che ha colpito lui e la sua famiglia, strappando suo figlio alla vita ad appena 16 anni, non è colpa sua. E' sconvolto Valter Troyer, imprenditore vitivinicolo titolare dell'azienda “Da Prà” e padre di Francesco, la giovanissima vittima di una delusione sentimentale che l'ha portato a rubare la pistola del padre, chiudersi in bagno, puntarsela alla tempia e dire addio alla vita. Oltre al dolore per la perdita del figlio, che frequentava l'istituto Marco Fanno di Conegliano, l'uomo non avrà conseguenze dal punto di vista penale, considerando che il rapporto degli inquirenti non ha rilevato anomalie nel conservare l'arma in modo corretto e in un luogo sicuro. Lo stesso genitore non riesce infatti a spiegarsi come Francesco possa aver trovato quella pistola. E per la Procura non ci sono gli estremi per configurare nessuna ipotesi di reato. Il pm di turno ha anche firmato il nulla osta per poter celebrare le esequie del ragazzo.