Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nessuna ipotesi di reato a carico del genitore

SUICIDA, IL PADRE NON C'ENTRA

L'arma che ha ucciso Francesco Troyer era nascosta


CONEGLIANO – (gp) La tragedia che ha colpito lui e la sua famiglia, strappando suo figlio alla vita ad appena 16 anni, non è colpa sua. E' sconvolto Valter Troyer, imprenditore vitivinicolo titolare dell'azienda “Da Prà” e padre di Francesco, la giovanissima vittima di una delusione sentimentale che l'ha portato a rubare la pistola del padre, chiudersi in bagno, puntarsela alla tempia e dire addio alla vita. Oltre al dolore per la perdita del figlio, che frequentava l'istituto Marco Fanno di Conegliano, l'uomo non avrà conseguenze dal punto di vista penale, considerando che il rapporto degli inquirenti non ha rilevato anomalie nel conservare l'arma in modo corretto e in un luogo sicuro. Lo stesso genitore non riesce infatti a spiegarsi come Francesco possa aver trovato quella pistola. E per la Procura non ci sono gli estremi per configurare nessuna ipotesi di reato. Il pm di turno ha anche firmato il nulla osta per poter celebrare le esequie del ragazzo.