Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Presentato il calendario della Società Iconografica

UNA TREVISO D'ANNATA

Fotografie da fine '800 alla seconda guerra mondiale


TREVISO – (mz) Da dieci anni scandisce i giorni dei trevigiani con corredo di vedute storiche della città. La Società Iconografica Trevigiana, associazione dedita alla valorizzazione del patrimonio trevigiano attraverso le immagini, anche per il 2011 ha editato il suo tradizionale calendario. Questa edizione è dedicata a “Corso del Popolo”, l’arteria che collega la stazione ferroviaria al cuore di piazza dei Signori, uno dei luoghi più tipici della vita trevigiana, ma anche tra quelli più mutati nell’ultimo mezzo secolo, a causa delle devastazioni prodotte dal bombardamento del 7 aprile 1944. Per ripercorrerlo, una scelta di fotografie tratte da cartoline, da fine ‘800 alla vigilia della seconda guerra mondiale.

La Società, che a febbraio riprenderà il suo programma di serate aperte al pubblico, lancia anche un’idea al Comune: distribuire grandi immagini dei monumenti cittadini nelle scuole, per far conoscere Treviso ai ragazzi. Presentato in Comune, il calendario verrà inviato dall’amministrazione anche in varie sedi dell’associazione Trevisani nel mondo. Caratteristiche e obiettivi del calendario sono illustrati ai nostri microfoni dal fondatore e a lungo presidente della Società iconografica, Toni Basso, e dal vicesindaco Giancarlo Gentilini.