Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Proteste e superlavoro per Ats

FOGNE INTASATE PER LE PIOGGE

Treville: falda troppo alta, gli scarichi non ricevono


CASTELFRANCO V.TO - Troppe piogge, straripano le fogne. A Castelfranco Veneto, le fognature stanno creando non pochi problemi. Tutta colpa delle precipitazioni sovrabbondanti dello scorso novembre, spiega Ats, la società che gestisce la rete di scolo. L'eccezionale quantità di acqua caduta ha provocato, dai primi giorni di dicembre, un innalzamento di circa tre metri della falda freatica, ora pari al livello campagna. Questo impedisce un normale deflusso degli scarichi o peggio, tanto più in quelle abitazioni dove gli allacciamenti si trovano in seminterrati o in locali al di sotto del suolo, magari senza valvole di non ritorno. L'emergenza, secondo l'azienda, è dovuta al carico d'acqua concentratosi nell’impianto di sollevamento presente a Treville: di norma la struttura deve far fronte ad una portata della rete fognaria di intorno ai tremila litri (circa 250 litri pro capite per 1.000-1.500 abitanti); di colpo è ha dovuto smaltire, sia pure con l’ausilio di attrezzature esterne, un volume pari a circa 35.000 abitanti. Ats, che gestisce la rete del comune castellano dall’aprile 2010, assicura di aver messo all'opera fin da subito i propri tecnici e continua a tenere sotto controllo costante la situazione.