Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Nei guai proprietario, bene vincolato

VENDE ORGANO DEL '700

Era scomparso da Villa Ca' Rezzonico a Bassano


TREVISO - Aveva venduto nel luglio scorso un prezioso organo del '700, appartenuto a Papa Clemente XIII e vincolato dai Beni culturali dal 1980, ad un 50enne libero professionista con residenza nel centro storico di Treviso: a finire nei guai il proprietario di villa Cà Rezzonico a Bassano del Grappa che è stato denunciato dai Carabinieri nel nucleo tutela patrimonio culturale. L'uomo, un 70enne, dovrà rispondere dell'alienazione e rimozione del prezioso strumento, del valore di quasi 400mila euro. Il proprietario della storica villa, secondo quanto riferiscono i militari, voleva monetizzare l'organo e aveva ceduto lo strumento, presente nella cappella, al trevigiano che avrebbe poi provveduto a restaurarlo. La consegna dello strumento risale al luglio dello scorso anno: a scoprirne l'ammanco sono stati, durante un sopralluogo, alcuni funzionari del Ministero per i Beni e le attività culturali. Da qui è partita una denuncia ai Carabinieri e l'indagine che ha portato al sequestro dell'organo per ordine del Gip del tribunale di Bassano del Grappa. Lo strumento, custodito dal professionista trevigiano in un deposito del centro di Treviso, sarà ora reso alla città di Bassano del Grappa che provvederà a trovare una nuova sistemazione già nei primi mesi di febbraio.

Galleria fotograficaGalleria fotografica