Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Arrestato consigliere comunale vicentino

SQUILLO E ORGE, È BUFERA

Denunciato 56enne di Vedelago, Renato Cavallin


VEDELAGO - Aveva il compito di riscuotere a domicilio il denaro delle prestazioni sessuali fornite dalle lucciole pubblicizzate nei siti www.bestannunci.us e www.bestannunci.in. A finire nei guai un 56enne di Vedelago, Renato Cavallin: sarebbe lui il braccio destro di Alessandro Costa, 39enne consigliere comunale leghista, vigile urbano ed ex assessore alla sicurezza del comune di Barbarano vicentino, arrestato dai Carabinieri per sfruttamento della prostituzione. Sarebbero decine i trevigiani coinvolti tra collaboratori e clienti, molti imprenditori. L'indagine “Escort Ungheria” era iniziata nell'estate del 2009. In quel frangente Costa venne denunciato e fu costretto a dare le dimissioni da assessore alla sicurezza. Nonostante ciò la sua attività non si era fermata: dal pagamento via Postepay da parte delle lucciole aveva preferito il contante. Giovedì pomeriggio infatti doveva trovarsi con uno dei suoi collaboratori per riscuotere il denaro di una lucciola padovana. Ad attenderli davanti al casello di Padova Ovest c'erano i Carabinieri di Padova. Secondo gli accertamenti condotti fino ad ora sembra che attraverso il sito venissero organizzate anche vere e proprie "gang-bang" anche tra nove partecipanti.