Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra un'azienda trevigiana e una pordenonese del tessile

IMPRESE IN RETE

Uno dei primi contratti in Italia per l'aggregazione


TREVISO - (mz) La Marca fa da apripista nell'applicazione del nuovo “contratto di rete”. Lo strumento è stato introdotto nella legislazione nel 2009, per favorire la collaborazione tra imprese: finora, però, è stato utilizzato in rarissimi casi in Italia e mai in provincia. A colmare la lacuna, approfittando delle opportunità offerte da questa normativa, ci hanno pensato due aziende del settore tessile: la Timavo & Tivene S.r.l. di Vazzola e la Friultex S.r.l. di Azzano Decimo, nel pordenonese. La prima, con un fatturato di quasi 20 milioni, opera da oltre 50 anni nella nobilitazione dei tessuti, tanto da essere leader di questa lavorazione in conto terzi. Friultex, invece, è specializzata nella produzione di tessuto grezzo, con ricavi per circa 8 milioni. Nei giorni scorsi le due imprese, con l'assistenza di Unindustria Treviso, hanno dato vita a “Rete maglia italiana”. L'intento è quello di migliorare la competitività e ottimizzare i costi, condividendo ricerca, strategie di approvvigionamento delle materie prime e semilavorate, sviluppo della qualità dei prodotti. Ma anche avere più forza per accedere al credito e per le attività di promozione commerciale. I due firmatari puntano ad estendere l'accordo ad altre imprese complementari della filiera, mentre l'associazione degli industriali, come ricorda il presidente Alessandro Vardanega, è impegnata a diffondere questa e altre forme di aggregazione anche in altri comparti.