Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La morte del 31enne di Sala d'Itrana arriva in aula

PONTIN, FAMIGLIA PARTE CIVILE

Due imputati: spaccio e omicidio colposo i reati


TREVISO – (gp) Il caso della morte di Damiano Pontin, il 31enne di Sala d'Istrana trovato morto nella sua auto dalla madre la mattina del 23 marzo 2010, tornerà davanti al giudice il prossimo 21 giugno. L'udienza preliminare che vede imputati Moreno Cappelletto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, colui che diede la dose di eroina a Damiano, e Daniele Astero, il 26enne amico del ragazzo deceduto che lo abbandonò in auto agonizzante per paura e che è chiamato a rispondere di omicidio colposo, è stata infatti rinviata perchè la famiglia di Damiano Pontin ha deciso di costituirsi parte civile al processo. Determinanti nella formulazione delle imputazioni furono stati i risultati dell'esame tossicologico sul corpo di Damiano Pontin: se dall'autopsia era ormai stato appurato che il giovane morì a causa di un edema polmonare provocato dall'assunzione di un mix fatale di droga e alcol, gli esami tossicologici hanno rilevato che il giovane si trovava già in stato comatoso alle 22.30 quando i due amici stavano bevendo in un bar della zona, cinque ore prima del decesso avvenuto alle 3.30. Il medico legale e il tossicologo che hanno eseguito gli esami concordano nel dire che la situazione in cui versava Pontin era già molto compromessa, ma non escludono che potesse essere salvato se portato in ospedale invece che lasciato in macchina.


Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
21/06/2010 - "Poteva essere salvato"
26/03/2010 - Mix fatale di droga e alcol
25/03/2010 - Il pusher dal giudice
24/03/2010 - Lasciato morire nell'auto
23/03/2010 - Giallo, morto 30enne