Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I responsabili già accusati di truffa alle assicurazioni

GIRO DI AUTO, EVASI 7 MILIONI

Società fantasma per frodare il Fisco


TREVISO - (mz) Oltre alla truffa alle assicurazioni, anche l'evasione fiscale. La Guardia di Finanza di Treviso, nell'ambito dell'operazione "Ghost cars", contesta a due società della Marca 7 milioni tra ricavi non dichiarati e costi indeducibili e un altro milione e mezzo di Iva non pagata. Le aziende, specializzate nel commercio di automobili di alta gamma, fanno capo a cinque persone, già finiti sotto inchiesta lo scorso maggio per una maxi truffa alle compagnie assicurative: denunciavano il furto di fuoriserie inesistenti. Il gruppo commerciava effettivamente in auto, ma anche in questo caso, secondo la Finanza, in modo tutt'altro che rispettoso della legge. Si sono specializzati nelle cosiddette “frodi carosello”: hanno costituito delle società fittizie nell'Europa dell'Est e, attraverso una serie di transazioni tra le varie imprese, incameravano l'Iva mai versata e evadevano le imposte dirette. Oppure le macchine figuravano acquistate all'estero da una persona fisica: in realtà, lo stesso titolare della ditta a cui il mezzo veniva poi rivenduto. Le ditte italiane sono risultate evasori totali o, comunque, hanno abbattuto l'imponibile, dichiarando costi certificati da fatture delle società estere e mai davvero sostenuti.