Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura ha disposto accertamenti sul caso

ROGO IN OSPEDALE, S'INDAGA

Si tratta di un atto dovuto per capire se ci siano colpe


MONTEBELLUNA – (gp) In seguito all'incendio scoppiato lunedì sera all'ospedale di Montebelluna, che ha mandato in tilt il pronto soccorso e reso inagibili le sale operatorie almeno per quattro giorni (anche se ci vorrà più di una settimana per ripristinare il servizio completo), la Procura ha dispoto accertamenti sul caso per capire se si sia trattato di una fatalità o se, pur se esclusa la natura dolosa delle fiamme, ci siano delle colpe da attribuire per il corto circuito. A dare l'allarme erano stati gli stessi pazienti che si trovavano nella stanza d'attesa: tre, i più gravi, erano stati subito trasportati all'ospedale di Castelfranco Veneto, dove peraltro sono stati trasferiti tutti i casi più preoccupanti e bisognosi di cure intensive. I danni provocati dal corto circuito hanno costretto il presidio ospedaliero a cancellare tutte le operazioni previste fino a venerdì prossimo.