Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Polizia, giro di vite della Questura di Treviso

PERMESSI, UN TERZO SONO FALSI

Richieste di regolarizzazione da ditte inattive


TREVISO - Decreto flussi, è ancora caos. Richieste di regolarizzazione per lavoratori presentate da ditte inesistenti o inattive da tempo: questo quanto emerge dalle analisi che l'ufficio immigrazione della Questura di Treviso sta effettuando sulle 497 richieste presentate fino allo scorso 10 febbraio. L'ipotesi è quella di un vero e proprio racket dei permessi. Ben 20 delle prime 25 documentazioni visionate finora sono palesemente false, presentate da finti datori di lavoro italiani e stranieri, soprattutto cinesi. In tutto si stima che in tutto potrebbero essere un terzo del totale. I controlli sono effettuati attraverso le banche dati della Camera di Commercio e della Guardia di Finanza. Anche per i lavoratori stagionali non mancano le anomalie: tra le richieste per l'agricoltura spiccano documentazioni in cui compaiono ditte di scarpe, supermercati e bar. Ai nostri microfoni interviene la dirigente dell'ufficio immigrazione della Questura di Treviso, d.ssa Elena Peruffo.