Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato il 42enne di Martellago Vitale Maguolo

PROSTITUTA RAPINATA, 9 ANNI

L'uomo alla sbarra anche per stupro ed estorsione


TREVISO – (gp) Una condanna pesante quella inflitta a Vitale Maguolo, 42enne di Martellago, finito alla sbarra con le accuse di rapina, estorsione e violenza sessuale: 9 anni di reclusione, 4 mila euro di multa, interdizione perpetua dai pubblici uffici e un risarcimento danni da quantificare in sede civile. L'uomo era finito in manette lo scorso 23 aprile al termine di un blitz dei carabinieri di Treviso che avevano portato all'arresto di altri due suoi complici, il 38enne operatore ecologico di Zero Branco Matteo Tamai e il 28enne brasiliano Marco Molin, anche lui di Martellago e imputato per il solo reato di estorsione, che verranno entrambi giudicati con rito abbreviato in udienza preliminare. Era il 16 aprile dello scorso anno quando una prostituta cinese di 39 anni, che esercitava la professione nel suo appartamento di via Hemingway a Monastier, aveva fissato un appuntamento per un incontro erotico con Vitale Maguolo. La lucciola però non si aspettava che aprendo la porta potesse trovarsi di fronte due individui i quali, senza nemmeno aprir bocca e armati di taglierino, la violentarono entrambi e la rapinarono di 150 euro e dei documenti personali, tra cui il permesso di soggiorno, prima di legarla e andarsene. Terrorizzata, la cinese venne contattata qualche giorno dopo dagli stessi uomini, che secondo gli inquirenti la minacciarono di morte e le dissero di essere disposti a restituirle i documenti in cambio di 10 mila euro. Soltanto il coraggio della donna mise fine alla vicenda: la cinese raccontò tutto ai carabinieri di San Biagio di Callalta, i quali arrestarono i tre uomini in flagranza di reato, mentre si erano recati dalla donna a riscuotere il denaro.