Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Complice del 62enne genovese Giorgio Pippi

ASSALTI AI MARKET, ARRESTATI

Nicola Lari, 32enne di Oderzo, autista di ambulanze


CONEGLIANO - Nella vita di tutti i giorni lavorava come autista di ambulanze per l'ospedale di Oderzo, era sposato e padre di un bimbo di nove anni. Dietro questa facciata di normalità però, nascondeva una vita parallela, fatta di rapine messe a segno in sinistra Piave grazie proprio alla sua abilità nella guida. A finire in manette il 32enne opitergino Nicola Lari, complice, basista ed autista di Giorgio Pippi, 62enne di Genova. Per entrambi si sono aperte le porte del carcere di Santa Bona. Il ligure, ai domiciliari per stalking fino allo scorso mese di dicembre, era un vero e proprio pendolare delle rapine: giungeva nella Marca ed alloggiava solitamente in un albergo di Spresiano in cui non veniva però registrata la sua presenza. Gli investigatori non escludono infatti una eventuale complicità tra il proprietario dell'hotel ed il bandito. Otto le rapine attribuite ai due malviventi: il 21 gennaio al Di Più di Susegana e al Penny market di Conegliano, il 3 febbraio al Maxi di Arcade, al Coopca di Villorba e all'Ins's di San Polo, il 18 febbraio ai market Ariele e Alì di Conegliano. La lista potrebbe però allungarsi ulteriormente. Giovedì sera l'ultimo colpo che è stato però fatale ai rapinatori: la rete di controlli della Polizia presso i supermercati era stata accuratamente predisposta da tempo. Verso le 19,30 gli agenti che stanno monitorando il Prix di Mareno di Piave notano Giorgio Pippi mentre sta per fare irruzione nel supermercato. Aveva appena calzato la calzamaglia già utilizzata per altre rapine, sotto la giacca una pistola giocattolo. Viene subito fermato. In auto ad attenderlo c'era Nicola Lari, bloccato a sua volta.

Galleria fotograficaGalleria fotografica