Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'ipotesi di reato è truffa ai danni dello Stato

MEDICO SOTTO INCHIESTA

Per l'accusa dichiarava il falso per ottenere permessi


PIEVE DI SOLIGO – (gp) Medico sotto inchiesta per truffa aggravata ai danni dello Stato. Il professionista finito nel mirino della procura avrebbe, secondo l'accusa, chiesto dei permessi per accudire il padre malato che in realtà era ricoverato presso una casa di riposo. Secondo gli inquirenti il medico in servizio presso l'Usl 7 di Pieve di Soligo avrebbe utilizzato dei permessi lavorativi retribuiti usufruendo senza averne diritto dei benefici previsti dalla legge 104. Le indagini erano partite circa un anno fa e gli accertamenti svolti dalla procura, anche se non ancora terminati, hanno intanto portato all'iscrizione nel registro degli indagati il medico 50enne che opera nella struttura ospedaliera di Conegliano. La legge 104 prevede che, previa certificazione, i parenti possano chiedere permessi retribuiti per assistere una persona malata o affetta da handicap a patto che questa non sia ricoverata in un istituto. E qui sta la contestazione della procura: il padre ultraottantenne è ricoverato in una casa di riposo, e quindi assistito, per cui il medico avrebbe falsificato la dichiarazione per ottenere i permessi retribuiti.