Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Polizia interviene per "rumori sospetti"

ENTRA MARITO, AMANTE IN FUGA

In centro storico vicenda da commedia all'italiana


TREVISO - (nc) Lui, lei, l'altro. Ogni accostamento a “Signore e signori”, ogni paragone con le scene tipiche della commedia all'italiana degli anni '70 si spreca. L'amante sul tetto, il marito ignaro che chiama la Polizia per dei rumori sospetti, gli agenti che trovano il vicino di casa della moglie fedifraga mentre cerca goffamente di nascondersi. E' accaduto a Treviso, in pieno centro storico la scorsa notte. Al centralino del 113 poco dopo l'1,30 giunge una richiesta di intervento: una figura si aggira sul tetto di una palazzina, nell'oscurità. A chiamare è uno dei condomini: da poco è rientrato in casa per raggiungere la moglie che probabilmente non lo aspettava o forse lo attendeva più tardi. Ad allarmarlo sono stati alcuni rumori sospetti ed un'ombra che si muoveva sul tetto dello stabile. La Polizia giunta sul posto sorprende quello che si presumeva essere un ladro ma che in realtà altri non era che un altro condomino: agli agenti racconta di aver perso le chiavi di casa e che la moglie, addormentata, non apriva alla porta. Aveva pensato -così ha riferito alla Polizia- di passare attraverso il lucernario dopo essersi arrampicato fino al tetto attraverso la grondaia. Gli agenti, insospettiti, hanno però incalzato l'uomo che non ha potuto far altro che raccontare la verità: il vicino di casa si trovava all'interno dell'abitazione della vicina di pianerottolo. Quando ha sentito armeggiare alla porta di casa si è diretto verso il tetto dove mai avrebbe pensato di essere scoperto.