Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Copie in materiali scadenti vendute su internet

PINARELLO, ALLARME FALSI

Aumentano le bici della casa trevigiana contraffatte


TREVISO – (mz) E' allarme contraffazione per le bici Pinarello. Sono in costante aumento le segnalazioni di falsi telai della casa trevigiana: vittima degli “imitatori”, in particolare, la nuova Dogma, la prima bici asimmetrica. Numerosi casi sono stati segnalati nei paesi del Nord Europa e negli Stati Uniti e di frequente sono gli stessi appassionati ad avvertire di prodotti più o meno palesemente taroccati. La maggior parte degli acquisti vengono fatti via Internet su siti asiatici, che propongono telai Prince o Dogma a poche centinaia di euro. Si tratta qualche volta di telai rubati, ma molto più spesso di copie di prodotti originali realizzati in materiali scadenti, verniciati e ricoperti di adesivi Pinarello; spesso capita anche di ordinare on line e non ricevere nulla. “Si trovano, soprattutto on-line e sono false bici, stampi dei nostri telai fatti con materiali più scadenti rispetto al carbonio Toray che noi usiamo nei modelli top di gamma - spiega Fausto Pinarello, uno dei titolari dell'azienda -. Strutture non solo meno performanti, ma più fragili e a rischio rottura che potrebbero causare incidenti a chi le usa. Per questo motivo chiediamo maggiore attenzione ai ciclisti, e partirà in questi giorni una campagna pubblicitaria di sensibilizzazione sulle maggiori riviste specializzate del mondo. Noi non vendiamo on-line, preferiamo che il cliente abbia un contatto diretto con noi o con i nostri rivenditori”.