Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Patteggia 14 mesi di reclusione Roberto Trungadi

STALKER SI SCUSA IN AULA

L'impiegato 42enne aveva perseguitato un'insegnante


TREVISO – (gp) Alla sbarra per stalking, con la voce rotta dall'emozione ha chiesto scusa alla vittima e ha promesso di cambiare la propria residenza per evitare di incontrare ancora la donna di cui si era innamorato, accettando di essere giudicato colpevole e patteggiando un anno e due mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena. E' la vicenda che ha visto come protagonista il 42enne di origini calabresi Roberto Trungadi, difeso in aula dall'avvocato Roberto Nordio. L'impiegato residente a Treviso, dopo aver convissuto per qualche mese con un'insegnante 48enne di Mogliano Veneto, non era riuscito a rassegnarsi alla fine della loro storia. Da quel momento aveva cominciato a perseguitarla con chiamate, sms, pedinamenti e vere e proprie aggressioni. L'ultima era costata alla vedova ben 10 giorni di prognosi per lesioni ad un polso. Stanca dei soprusi la donna aveva sporto denuncia contro il suo ex nel maggio 2010, e la procura dispose per lui il divieto d'avvicinamento all'ex compagna e ai suoi figli, poi alleggerita in divieto di dimora nel comune di Mogliano. Ma la misura restrittiva non bastò a fermarlo, tanto che il 29 giugno del 2010 venne arrestato e messo ai domiciliari. Alleggerita ancora una vola la misura, confidando che l'uomo avesse capito lasciare la sua amata in pace, lui invece ci ricascò: è del 21 gennaio scorso il secondo arresto per stalking, e oggi, in aula, è arrivata anche la sentenza, con tanto di pentimento da parte dell'imputato.