Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittoriese 37enne finisce ai domiciliari

CONDANNATA 10 ANNI DOPO

Commessa nei guai, due arresti nel 2000 e nel 2001


VITTORIO V.TO - Un passato da spacciatrice di eroina con due arresti, nel 1999 e nel 2001: dopo dieci anni ed essersi rifatta una vita è costretta ora a pagare definitivamente il conto con la giustizia. Dovrà scontare otto mesi agli arresti domiciliari con il solo permesso di uscire per andare a lavoro una 37enne vittoriese, Mara Boschetto che attualmente lavora come commessa in un negozio del centro di Vittorio veneto. Burrascoso il suo passato: nel 1999 fu arrestata con il fratello e due tunisini, pizzicati con un etto di eroina. Nel 2000 fu condannata a 4 anni di reclusione e a pagare un'ammenda di 24 milioni di lire: pena in parte cancellata dall'indulto, in parte passata ai domiciliari essendo la donna anche madre di una figlia che ha ora 18 anni. Nel 2001 la donna era però finita di nuovo nei guai: lei ed il fratello furono trovati in possesso di 6 grammi di eroina. A distanza di dieci anni da quell'episodio l'iter giudiziario è così giunto a compimento: nel frattempo la 37enne era riuscita a rifarsi una vita. I fantasmi del passato sono però tornati a tormentarla.