Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La tragedia nel pomeriggio al "Carpe diem" di Gaiarine

BAMBINO ANNEGA NEL LAGHETTO

Marco Gardenal, 12 anni, voleva recuperare il pallone


GAIARINE – (gp-mz) Tragedia nel pomeriggio a Gaiarine. Marco Gardenal, 12 anni, ha perso la vita annegando nel laghetto “Carpe diem", in via per Campomolino, nella frazione di Albina. Il ragazzino si sarebbe allontanato dalla riva su una barca insieme ad un coetaneo, per cercare di recuperare il pallone, con cui i due stavano giocando: sportosi troppo dall'imbarcazione, però, nel tentativo di afferrare una cima, è caduto in acqua. L'amico si è a sua volta tuffato, ma l'adolescente, forse a causa di un gorgo o dell'acqua molto fredda, è rapidamente sprofondato. Mancavano pochi minuti alle 16: la macchina dei soccorsi si è subito attivata e i sommozzatori dei vigili del fuoco hanno iniziato a scandagliere il fondale. Riportato il corpo in superficie, i sanitari del Suem 118 hanno praticato a lungo il massaggio cardiaco e tentato con ogni mezzo di rianimarlo, ma il tempo trascorso sott'acqua era stato troppo e per il dodicenne non c'è stato nulla da fare. Marco era il figlio del proprietario del laghetto, destinato alla pesca sportiva, Piero Gardenal: la famiglie risiede a Portobuffolè.  Le indagini per capire la dinamica di quanto accaduto sono affidate ai Carabinieri della compagnia di Conegliano.