Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Riceve chiamata di allarme 73enne di Preganziol

"AIUTO, SONO STATA RAPITA"

Scherzo di 17enne romana, denunciata dalla Polizia


TREVISO - (nc) “Aiuto aiuto, sono al buio, sono stata sequestrata”: questa la telefonata d'allarme giunta nel primo pomeriggio di sabato al cellulare di un 72enne di Preganziol. La voce era quella di una ragazza, il numero invisibile. L'anziano ha subito avvertito la Polizia che in poche ore ha subito chiarito che si trattava di uno scherzo di pessimo gusto. La telefonata proveniva da Roma, zona Eur ed il numero telefonico era intestato ad un 64enne pensionato: la chiamata era stata effettuata dalla figlia 17enne. Ora per lei scatterà una denuncia per procurato allarme. La giovane, studentessa al quarto anno della scuola dei servizi sociali, ha raccontato di aver abbandonato il cellulare in classe tra le 12 e le 14 e che qualcuno dei suoi compagni, componendo un numero a caso, sarebbe il vero autore dello scherzo. Una burla finita male e con grande dispendio di energie e mezzi da parte delle forze dell'ordine.