Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Pizzicati in autostrada con un kg di hashish

AREZZO, PRESI CORRIERI

Tre campani arrestati, due lavorano nell'opitergino


AREZZO - In auto da Salerno a Treviso con quasi un kg di hashish: sono stati fermati ed arrestati sabato notte dalla Polizia stradale di Arezzo di pattuglia in autostrada tre campani: i fratelli Matteo e Francesco Salzano di 30 e 33 anni ed il 32enne Armando Generoso Scafuto. I due fratelli, senza nessun precedente, hanno residenza in provincia di Treviso dove da tempo abitano e lavorano come operai, il primo a Mansuè, il secondo ad Oderzo. Il loro viaggio dalla Campania era stato programmato per portare l'amico Armando Generoso Scafuto nella Marca dove avrebbe trovato un lavoro e la droga che sarebbe poi stata smerciata. Tutti sono ora in carcere in attesa del processo per direttissima.