Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domani a Roma la firma definitiva

ELECTROLUX, VINCE IL SÌ

A Susegana approva l'accordo il 76% dei lavoratori


SUSEGANA  - (mz) Accordo approvato: nel referendum all'Electreolux di Susegana il sì ha vinto con un'ampia maggioranza. Il 76% dei votanti ha espresso parere favorevole all'intesa raggiunta nei giorni scorsi tra il colosso del freddo e i sindacati. Tra ieri e oggi, hanno deposto la scheda nel'urma 1.087 addetti sui quasi 1.300 totali. In 280 hanno dato responso positivo, mentre 268 hanno optato per il no, nove i voti nulli. Risultati simili anche nell'altro stabilimento italiano della multinazionale svedese, dove i consensi avevano superato l'81%. Domani rsu, sindacalisti e rappresentanti dell'azienda si ritroveranno a Roma, per apporre la firma definitiva sull'accordo alla presenza dei ministri del Lavoro Maurizio Sacconi e dello Sviluppo economico Paolo Romani: diventerà così operativo il piano che prevede il trasferimento di parte della produzione di frigoriferi sll'estero e il conseguente taglio di 238 posti di lavoro nella fabbrica trevigiana, ma anche un'articolata rete di incentivi, oltre a due anni di cassa integrazione "complessa" a partire dal primo aprile. "Sono state superate le più alte aspettative: i lavoratori hanno capito la bontà dell'accordo - commenta Antonio Bianchin, segretario provinciale della Fim Cisl -. Da  ora in avanti dovremo iniziare a gestire sia il piano sociale, sia l'impegno dell'azienda ad investire 36 milioni nei prossimi tre anni per l'innovazione di prodotto e di processo".