Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Castelfranco, titolari padre e figlio di 55 e 30 anni

CRESPANO, LAP DANCE NEI GUAI

Erano finte associazioni culturali: evasori totali


CASTELFRANCO - Balletti provocanti, ragazze seminude a caccia di clienti, costose consumazioni, striptease e spettacolini bollenti nei privè. Insomma il tipico locale di lap dance. La Guardia di Finanza di Castelfranco ha scoperto nella zona di Crespano due locali di questo tipo gestiti rispettivamente da padre e figlio di 55 e 30 anni. I night erano però mascherati da associazioni culturali: in questo modo riuscivano a frodare il Fisco. Dal 2005 al 2009 infatti i due locali non avevano presentato la dichiarazione dei redditi: evidente la discordanza emersa dalle banche dati delle fiamme gialle che hanno voluto vederci chiaro. L'evasione, finora riscontrata, ammonterebbe a circa 120mila euro. Del caso ora si occuperà l'Agenzia delle Entrate. Ai nostri microfoni interviene il tenente Federico Munzi della Guardia di Finanza di Castelfranco veneto.