Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ventidue mesi al 20enne di Povegliano Mattia Muffato

BABY PUSHER PATTEGGIA

Il giovane spacciava hashish, maijuana ed MDMA


POVEGLIANO – (gp) Si era creato un piccolo giro di spaccio. Giovani i clienti a cui cedeva hashish, marijuana ed MDMA. Un'attività limitata, non si sta infatti parlando di un narcotrafficante, ma comunque illecita e che è costata a Mattia Muffato, ventenne di Povegliano, una condanna a un anno e dieci mesi di reclusione. Il giovane, in seguito a un controllo effettuato dai carabinieri di Montebelluna, era stato arrestato il 17 maggio del 2010. Dopo due notti passate in carcere gli erano stati concessi gli arresti domiciliari convertiti dopo due mesi, il 23 luglio, in obbligo di presentazione giornaliera alla polizia giudiziaria. Nel corso delle indagini gli inquirenti hanno stabilito che il ragazzo aveva sempre gli stessi clienti, giovani residente a Treviso, Montebelluna e Silea, che acquistavano da lui hashish e marijuana a circa 10 euro al grammo, e le metanfetamine a circa 50 euro.