Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ventidue mesi al 20enne di Povegliano Mattia Muffato

BABY PUSHER PATTEGGIA

Il giovane spacciava hashish, maijuana ed MDMA


POVEGLIANO – (gp) Si era creato un piccolo giro di spaccio. Giovani i clienti a cui cedeva hashish, marijuana ed MDMA. Un'attività limitata, non si sta infatti parlando di un narcotrafficante, ma comunque illecita e che è costata a Mattia Muffato, ventenne di Povegliano, una condanna a un anno e dieci mesi di reclusione. Il giovane, in seguito a un controllo effettuato dai carabinieri di Montebelluna, era stato arrestato il 17 maggio del 2010. Dopo due notti passate in carcere gli erano stati concessi gli arresti domiciliari convertiti dopo due mesi, il 23 luglio, in obbligo di presentazione giornaliera alla polizia giudiziaria. Nel corso delle indagini gli inquirenti hanno stabilito che il ragazzo aveva sempre gli stessi clienti, giovani residente a Treviso, Montebelluna e Silea, che acquistavano da lui hashish e marijuana a circa 10 euro al grammo, e le metanfetamine a circa 50 euro.