Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vedelago, pizzicata alla "Sira" dai Carabinieri

EX AGENTE ROMENA IN MANETTE

Ha 30 anni, in manette anche un complice 33enne


VEDELAGO - In patria faceva la poliziotta e guadagnava circa 150 euro al mese: quando ha lasciato le forze dell'ordine per trasferirsi in Italia è diventata una ladra e falsaria di documenti. Questo grazie anche alle abilità imparate durante i suoi trascorsi tra le forze dell'ordine. A finire in carcere una 30enne romena, Maria Ancuta Codruta. La donna è stata arrestata nel tardo pomeriggio di martedì dai carabinieri a Fossalunga di Vedelago: stava trafugando abiti dai negozi del centro commerciale “Qui Sira”, vestiti che erano occultati all'interno di una borsa “schermata” dal dispositivo antitaccheggio. In manette anche il complice, un 34enne connazionale, Vancea Beniamin Catalin. L'uomo era stato fermato a bordo di una Fiat Punto: stava attendendo che la complice uscisse dal negozio per poi fuggire. L'auto è risultata essere di proprietà di un pregiudicato 43enne di Torino e titolare sulla carta di almeno una trentina di veicoli. Nell'auto ritrovata varia refurtiva provento di vari furti. La donna al momento del controllo ha esibito un documento falso, l'ennesimo fabbricato dalla donna che vanta almeno quattro alias.