Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'uomo non soffriva di malattie pregresse

INFLUENZA, NUOVA VITTIMA

Un 52enne muore al Ca' Foncello per il virus H1N1


TREVISO – (mz) L'influenza colpisce ancora e fa una vittima nella Marca. Un uomo di 52 anni, ricoverato a Ca' Foncello, è morto a causa di un'embolia polmonare dovuta probabilmente alle complicazioni del virus H1N1. In base alle prime analisi, non risulta che il soggetto soffrisse di altre patologie pregresse. Il decesso, il ventesimo di questo tipo in Veneto, è stato confermato dalla Direzione regionale prevenzione. “Decessi con queste caratteristiche sono rari ma non impossibili, tanto che le statistiche di ogni annata ne presentano qualcuno – sottolinea Luca Coletto, assessore regionale alla Sanità -. Il fatto addolora, ma non deve preoccupare. Semmai può aiutare un’attenta riflessione da parte dei cittadini sull’opportunità di vaccinarsi quando, tra pochi mesi, si presenterà la prossima influenza 2011-2012”. Nonostante l'inverno sia ormai finito, infatti, una coda della patologia è ancora presente in Veneto: nella prima decade di aprile è stata registrata un’incidenza di 4,9 malati per 10.000 abitanti, pari a 2.400 nuovi casi. Un livello epidemico comunque normale, già segnalato negli anni passati, in particolare nel 2007-2008.