Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'uomo non soffriva di malattie pregresse

INFLUENZA, NUOVA VITTIMA

Un 52enne muore al Ca' Foncello per il virus H1N1


TREVISO – (mz) L'influenza colpisce ancora e fa una vittima nella Marca. Un uomo di 52 anni, ricoverato a Ca' Foncello, è morto a causa di un'embolia polmonare dovuta probabilmente alle complicazioni del virus H1N1. In base alle prime analisi, non risulta che il soggetto soffrisse di altre patologie pregresse. Il decesso, il ventesimo di questo tipo in Veneto, è stato confermato dalla Direzione regionale prevenzione. “Decessi con queste caratteristiche sono rari ma non impossibili, tanto che le statistiche di ogni annata ne presentano qualcuno – sottolinea Luca Coletto, assessore regionale alla Sanità -. Il fatto addolora, ma non deve preoccupare. Semmai può aiutare un’attenta riflessione da parte dei cittadini sull’opportunità di vaccinarsi quando, tra pochi mesi, si presenterà la prossima influenza 2011-2012”. Nonostante l'inverno sia ormai finito, infatti, una coda della patologia è ancora presente in Veneto: nella prima decade di aprile è stata registrata un’incidenza di 4,9 malati per 10.000 abitanti, pari a 2.400 nuovi casi. Un livello epidemico comunque normale, già segnalato negli anni passati, in particolare nel 2007-2008.