Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Assolto il 40enne direttore di banca di Breda di Piave

RAOUL DA FRE' E' INNOCENTE

Era accusato di concorso in due rapine a mano armata


TREVISO – (gp) Raoul Da Frè, il 40enne direttore di banca di Breda di Piave accusato di concorso in rapina a mano armata, è stato assolto con formula piena dal collegio del tribunale di Treviso per non aver commesso il fatto. Soddisfatto il suo legale, l'avvocato Stefano Pietrobon, che ha sottolineato, dopo la lettura della sentenza, come alla base delle accuse mosse contro Da Frè ci fossero “incongruenze e contraddizioni dei pentiti e che la chiamata in correità deve avere anche dei riscontri. Elementi – continua l'avvocato Pietrobon – che c'erano ma è stato dimostrato il fatto che non fossero univoci. Abbiamo smontato le accuse, screditando le versioni fornite dai pentiti. Una sentenza che ha rispecchiato quello che dicevamo da tempo e che l'imputato aveva sempre detto: Da Frè con quelle rapine non c'entra nulla”. L'imputato era considerato dagli inquirenti la mente e il basista di una banda di rapinatori smantellata dai carabinieri di Venezia. I militari dell'Arma avevano stretto le manette ai polsi a 15 persone contestando loro 12 colpi messi a segno in diverse filiali del Triveneto che avrebbero fruttato quasi due milioni di euro. L'ex numero uno della banca Antonveneta di via Sant'Agostino a Treviso, e ora alla direzione della filiale di Susegana, era accusato di essere coinvolto in due rapine: quella del 28 aprile 2008 a Vittorio Veneto e quella del 29 giugno 2009 a Conegliano, sempre ai danni di filiali della banca Antonveneta. Al termine della stessa udienza ha rimediato invece una condanna a 5 anni di reclusione e l'interdizione perpetua dai pubblici uffici Giuseppe Nicotra, 41enne palermitano residente a Rovereto, dov'è tuttora detenuto. Era accusato di aver messo a segno tre rapine a mano armata, diverse dalle due in cui era imputato Da Frè.