Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato a 4 anni di carcere un 20enne ghanese

ABUSA DI UNA MINORENNE

Per il giudice non è stato un rapporto consensuale


ASOLO – (gp) Si erano conosciuti tramite amici comuni all'interno della comunità ghanese di Asolo. Come lei stessa aveva ammesso nel corso di un incidente probatorio, si era presentata a lui come maggiorenne, anche se in realtà di anni ne aveva meno di 14. Lui di anni ne aveva invece 20 al momento dei fatti (era la fine del 2010) e quando si erano conosciuti meglio aveva tentato delle avances nei confronti della ragazzina. Approcci un po' troppo spinti visto che nel momento clou la ragazza aveva deciso di tirarsi indietro ma il 20enne, secondo quanto denunciato in seguito dalla giovane, non ne voleva sapere di fermarsi e avrebbe continuato a metterle le mani addosso costringendola a un rapporto sessuale. Ad accorgersi quanto accaduto era stata la madre della piccola, che si era poi recata dai carabinieri per raccontare l'accaduto. Di fronte al gup Umberto Donà il giovane, oltre ad aver sottolineato che pensava che la ragazza fosse davvero maggiorenne, ha sostenuto che il rapporto fosse stato consensuale. Diversa invece la tesi del legale di parte civile, l'avvocato Sonia Rinaldo, secondo cui non si trattò di atti sessuali con una minore di 14 anni ma di una vera e propria violenza sessuale. Dello stesso avviso anche il giudice che ha condannato con rito abbreviato il ragazzo a quattro anni di carcere e al pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva di 30 mila euro. L'eventuale risarcimento danni verrà quantificato in sede civile.