Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Unindustria: collegarsi in massa per metter ko il Sistri

CLICK DAY DI PROTESTA

Industriali trevigiani contro il sistema di gestione rifiuti


TREVISO - (mz) Collegarsi tutti al sito del ministero di fatto, mandandolo in tilt. E' la forma di protesta degli industriali trevigiani contro il Sistri, il nuovo sistema elettronico di gestione dei rifiuti aziendali. Anche nella Marca si sta organizzando un click day per il prossimo 11 maggio: “L'invito che rivolgo alle imprese è di partecipare in massa a questa simulazione – conferma il presidente di Unindustria Alessandro Vardanega - per riuscire a dimostrare visibilmente come il Sistri non funzioni”. Da tempo il meccanismo sta attirando le critiche di imprenditori piccoli e grandi: lanciato nel 2009 dovrebbe consentire la “tracciabilità” degli scarti, ma si è rivelato di complessa implementazione e non è mai diventato operativo. Nel frattempo però le imprese hanno dovuto pagare la relativa iscrizione: ora il nuovo termine per la partenza è stato fissato per il prossimo primo giugno, ma tra gli imprenditori prevalgono le perplessità sui malfunzionamenti. Siamo convinti che una proroga di un anno sia necessaria ed aiuterebbe le imprese, soprattutto per procedere a una revisione profonda dell'intero impianto normativo e del relativo strumento informatico.