Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Riesame non modifica la custodia cautelare

REMAN MISHI RESTA IN CELLA

Il 35enne albanese accoltellò un connazionale


VENEZIA – (gp) Nessuna modifica della misura cautelare. Questo l'esito dell'udienza di fronte al tribunale del Riesame di Venezia per Reman Mishi, il 35enne albanese finito in manette con l'accusa di tentato omicidio per aver aggredito a colpi di cacciavite e coltello, otto fendenti in tutto, un connazionale di 25 anni in pieno centro, nel parcheggio di piazza San Francesco. Il suo legale, l'avvocato Fabio Crea, ha rilevato che non c'erano elementi per sostenere una richiesta di modifica della custodia cautelare in carcere e quindi, cambiando strategia difensiva, ha deciso di rinunciare al ricorso di fronte al tribunale della Libertà. I fatti risalgono al 4 maggio scorso. Stando a quanto dichiarato dallo stesso Mishi in sede di interrogatorio, sarebbe stata la gelosia la causa di quell'aggressione: era convinto che quel 25enne fosse il motivo dell'allontanamento di sua moglie che era tornata in Albania con il figlio. In realtà la compagna aveva fatto ritorno in patria perché stanca delle continue angherie subite dal marito: lo scorso 27 gennaio, dopo l'ennesimo pestaggio, lo denunciò per lesioni personali ed ingiurie. Il secondo episodio è più recente. Il 17 aprile scorso accoltellò, ferendolo non gravemente un connazionale a Maserada. Era convinto avesse una relazione con sua moglie.