Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Procura chiede l'archiviazione dei ricorsi

T-RED, MULTE VALIDE

Gli automobilisti dovranno mettere mano al portafogli


TREVISO - (gp) Quello che era stato ribattezzato lo “scandalo dei T-red” si concluderà, almeno a Treviso, con un nulla di fatto. La Procura di Treviso ha infatti deciso di mettere la parola fine alle indagini e chiudere definitivamente il fascicolo: il sostituto procuratore Giovanni Francesco Cicero ha formalmente chiesto l'archiviazione del caso. Se dopo il via libera del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che il 5 maggio del 2010 aveva omologato i famigerati T-red, sembrava che le  inchieste delle varie Procure venissero decapitate, ora questo nuovo capitolo della vicenda costringe gli automobilisti trevigiani a mettersi il cuore in pace e la mano al portafogli per pagare le multe che sono state elevate. Stefano Arrighetti, il 47enne amministratore unico della “Kria” e inventore dei T-red, sembra dunque aver vinto la sua battaglia, dopo aver chiesto l'archiviazione della sua posizione a tutte le Procure che l'avevano iscritto nel registro degli indagati: se a Verona e Milano non ha ancora raggiunto il suo obiettivo, a Treviso pare proprio di sì. Dalla sua parte giocava anche il fatto che, dopo l'omologazione arrivata da Roma, il pm Robledo avesse deciso di dissequestrare gli apparecchi e restituirli al legittimo proprietario perchè regolari. Circostanza che si era ripetuta in tutte le altre Procure che avevano messo i sigilli ai T-red. Ad  Arrighetti venivano contestati i reati di frode nelle pubbliche forniture, falso e truffa ai danni di un ente pubblico in concorso con altre cinque persone.