Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vazzola, l'attentato all'hotel di Egidio Bernardi

CASO VICINO ALLA SOLUZIONE

Nelle prossime ore le denuncia del responsabile


VAZZOLA - Sembra oramai prossimo alla soluzione il caso dell'attentato all'albergo Bernardi: attorno al vandalo, che ha sfondato una vetrata dell'hotel con una vecchia bombola del gas e lasciato un biglietto di minacce per il proprietario Egidio Bernardi, si sta stringendo il cerchio. La struttura è destinata ad ospitare una trentina di profughi provenienti dal Nord Africa.  Gli inquirenti hanno già interrogato quattro persone sospettate di essere coinvolte nel gesto intimidatorio. Le indagini, condotte dai Carabinieri di Conegliano, continuano a ritmo serrato: già nelle prossime ore i militari dell'Arma potrebbero formalizzare una denuncia a carico del responsabile. A sedare ogni allarmismo. comunque, è il prefetto di Treviso, Aldo Adinolfi: secondo il rappresentante del governo, si tratta di un episodio isolato e l'autore non si sarebbe reso ben conto di quel che faceva.