Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Raggiro alle assicurazioni: si indaga su due avvocati

TRUFFA: 400 CONTATTI SOSPETTI

Avrebbero consigliato alla gang di nigeriani cosa fare


TREVISO – (gp) Dopo i dodici nigeriani rinchiusi in carcere e altrettanti finiti agli arresti domiciliari, il filone parallelo dell'inchiesta della Procura di Treviso sulla maxi truffa alle assicurazioni continua e sembra imminente l'iscrizione nel registro degli indagati di avvocati e medici che, secondo gli investigatori della polizia giudiziaria di Treviso che lavorano a fianco del procuratore capo Antonio Fojadelli, avrebbero tenuto condotte negligenti nei confronti dei capi della gang nigeriana accusata di aver raggirato, in circa 500 incidenti stradali, le compagnie assicurative. Nel mirino degli inquirenti ci sarebbero 400 telefonate sospette nelle quali almeno due avvocati avrebbero suggerito alla banda come architettare le truffe e i meccanismi per riuscire a farsi liquidare i danni 4 o 5 volte per lo stesso incidente.