Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domani, vertice tra le parti al ministero

DATALOGIC, SIT IN A BOLOGNA

Alla sede centrale con i colleghi delle fabbriche italiane


TREVISO – (mz) Hanno protestato contro la chiusura dello stabilimento davanti al quartier generale della multinazionale a Lippo di Calderara di Reno, in provincia di Bologna. Anche i lavoratori della Datalogic di Quinto hanno partecipato alla manifestazione di tutti gli addetti del gruppo: dalla Marca sono scesi nel bolognese circa 75 persone. Gli altri colleghi sono rimasti, invece, a presidiare la fabbrica, occupata dal 27 maggio scorso. Con i trevigiani anche i dipendenti della sede bolognese e di quella di Teramo, gli altri due siti gestiti dalla società in Italia: in entrambe gli stabilimenti per l’occasione è stato indetto uno sciopero di otto ore, con un’adesione, secondo i sindacati, molto elevata. Motivo dell’agitazione, appunto, l’annuncio dell’azienda di dismettere la fabbrica trevigiana, nonostante i buoni risultati economici, per trasferire le produzioni in Vietnam. Rischiano il posto di lavoro in 146 persone. Mercoledì 8 è convocato un incontro tra le parti al ministero dello Sviluppo economico: i rappresentanti dei lavoratori chiederanno di far pressione perché il piano di esuberi venga ritirato. In caso contrario – ma per i sindacati si tratta solo dell’ipotesi estrema – si dovrà iniziare a discutere di ammortizzatori sociali.

Ai nostri microfoni, Elio Boldo, segretario provinciale della Fiom Cgil.