Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra Tiziano Barbon, in servizio a Conegliano

CARABINIERE IN AULA, ASSOLTO

Il 40enne accusato di falsa testimonianza e calunnia


CONEGLIANO – (gp) Falsa testimonianza e calunnia: questi i reati per i quali era finito sul banco degli imputati Tiziano Barbon, carabiniere di 40 anni di Cimadolmo in servizio a Conegliano. Il giudice, dopo aver ascoltato le testimonianze di quasi tutti i componenti del comando militare, ha assolto l'imputato con formula piena. Il caso era scoppiato nel giugno del 2007 quando una pattuglia dei carabinieri intervenne per un incidente stradale in via XI Febbraio e il guidatore, che aveva terminato la sua corsa contro un'aiuola spartitraffico, venne denunciato per guida in stato d'ebbrezza. Al volante c'era infatti il carabiniere, collega dell'altro militare in servizio che firmò il verbale di denuncia. Finito a processo per guida in stato d'ebbrezza, il 49enne fu assolto in quanto non venne sottoposto a nessun alcoltest. Nel processo che si celebrò a Conegliano, Tiziano Barbon testimoniò contro il collega e confermò il verbale, sostenendo che quando lo fermarono era alticcio e barcollante. Ma la difesa produsse alcune riprese di telecamere di sorveglianza che mostravano come in quell'occasione il 49enne si reggesse in piedi senza problemi. Così M.B. fu assolto dall'accusa di guida in stato di ebbrezza ed il carabiniere 40enne di Cimadolmo denunciato per falsa testimonianza e querelato per calunnia dallo stesso collega. Il pm, a indagini concluse, decise di archiviare il caso ma fu il gip a formulare un'imputazione coatta e a mandare di fronte a un giudice Tiziano Barbon che, dopo 4 anni dai fatti, è stato riconosciuto innocente.