Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato il 40enne marocchino Leoucine Essiya

MOLESTA UNA FILIPPINA, 2 ANNI

L'aggressione a gennaio alla stazione delle corriere


TREVISO – (gp) Di certo non si è trattato di un episodio piacevole, ma la gravità del fatto è stata ridimensionata in aula tanto da portare a una condanna tutto sommato lieve, al limite del minimo della pena. Alla sbarra per violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale, il 40enne marocchino Leoucine Essiya, residente assieme al fratello a Preganziol, se l'è cavata con due anni di reclusione ottenendo anche la modifica della misura di custodia cautelare dal carcere agli arresti domiciliari. L'uomo era in galera dallo scorso 11 gennaio dopo che s era reso protagoista di un agguato sessuale ai danni di una 33enne filippina. Erano le 20.20: la donna, presso la stazione delle corriere “La Marca” in pieno centro a Treviso, stava comprando le sigarette al distributore automatico quando il marocchino cercò di violentarla, prima palpeggiandola nelle parti intime e poi bloccandola mentre la teneva per un braccio e le tirava i capelli. La 33enne venne sorpresa alle spalle dal magrebino, e terrorizzata non riuscì subito a divincolarsi dalla morsa. Provvidenziale fu il passaggio di una volante della Polizia: l'aggressore, visti i lampeggianti, entrò in una corriera in partenza per Venezia e si dileguò. La filippina, sotto choc, raccontò agli agenti quanto le era appena accaduto e loro, qualche minuto più tardi, fermarono la corriera a Frescada. Il marocchino, pregiudicato per gli stessi reati, per cercare di sottrarsi all'arresto aveva anche cercato di colpire i poliziotti.