Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Non previste requisizioni di edifici

PROFUGHI, LA MARCA DIVISA

La Prefettura: "Consenso a macchia di leopardo"


TREVISO - La questione profughi divide la Marca. Lo ha certificato anche il summit tenutoris questa mattina in Prefettura a Treviso. Lo stesso prefetto Aldo Adinolfi, al termine della riunione, ha parlato di "consenso a macchia di leopardo dei diversi territori" riguardo all'ospitalità degli immigrati dal Nordafrica e della necessità "di agire di conseguenza". Oltre al rappresentante del Governo nella Marca, alla riunione era presente anche il vice prefetto vicario di Venezia, Valerio Valenti, che sovrintende all'applicazione in Veneto delle disposizioni del ministero dell'Interno in materia. Per ora, comunque, dalla Prefettura escludono la requisizione di immobili, nonchè la creazione di un centro di accoglienza per l'intero Veneto. Diversi sindaci, però, non hanno nascosto i loro dubbi sulla concessione della cittadinanza dopo sei mesi di permanenza e sul fatto di scaricare sulle amministrazioni comunali gli oneri dell'ospitalità.

Un problema, questo, sollevato anche dagli amministratori del Pd trevigiano: pur dicendosi favorevoli a contribuire alla sistemazione dei profughi, chiedono alcuni impegni preliminari: "Si ritiene ad esempio indispensabile e preliminare che il Governo dia adeguate garanzie di copertura finanziaria di tutti i costi diretti ed indiretti che le amministrazioni locali dovranno sostenere per ospitare i rifugiati e ciò per tutto il tempo della loro effettiva permanenza sul territorio comunale - scrivono in una nota congiunta -; inoltre si ritiene indispensabile che dette spese vengano espressamente escluse da quelle rilevanti ai fini del calcolo del patto di stabilità; ed ancora è fortemente necessario che siano tutti i Comuni del territorio ad essere chiamati, volontariamente o meno, a fare la loro parte, affinché l’indirizzo governativo di condivisione territoriale non rimanga privo di senso".