Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Non previste requisizioni di edifici

PROFUGHI, LA MARCA DIVISA

La Prefettura: "Consenso a macchia di leopardo"


TREVISO - La questione profughi divide la Marca. Lo ha certificato anche il summit tenutoris questa mattina in Prefettura a Treviso. Lo stesso prefetto Aldo Adinolfi, al termine della riunione, ha parlato di "consenso a macchia di leopardo dei diversi territori" riguardo all'ospitalità degli immigrati dal Nordafrica e della necessità "di agire di conseguenza". Oltre al rappresentante del Governo nella Marca, alla riunione era presente anche il vice prefetto vicario di Venezia, Valerio Valenti, che sovrintende all'applicazione in Veneto delle disposizioni del ministero dell'Interno in materia. Per ora, comunque, dalla Prefettura escludono la requisizione di immobili, nonchè la creazione di un centro di accoglienza per l'intero Veneto. Diversi sindaci, però, non hanno nascosto i loro dubbi sulla concessione della cittadinanza dopo sei mesi di permanenza e sul fatto di scaricare sulle amministrazioni comunali gli oneri dell'ospitalità.

Un problema, questo, sollevato anche dagli amministratori del Pd trevigiano: pur dicendosi favorevoli a contribuire alla sistemazione dei profughi, chiedono alcuni impegni preliminari: "Si ritiene ad esempio indispensabile e preliminare che il Governo dia adeguate garanzie di copertura finanziaria di tutti i costi diretti ed indiretti che le amministrazioni locali dovranno sostenere per ospitare i rifugiati e ciò per tutto il tempo della loro effettiva permanenza sul territorio comunale - scrivono in una nota congiunta -; inoltre si ritiene indispensabile che dette spese vengano espressamente escluse da quelle rilevanti ai fini del calcolo del patto di stabilità; ed ancora è fortemente necessario che siano tutti i Comuni del territorio ad essere chiamati, volontariamente o meno, a fare la loro parte, affinché l’indirizzo governativo di condivisione territoriale non rimanga privo di senso".