Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ai Mondiali under 20 All Black battono 64-7 l'Italia

VALANGA NERA SUGLI AZZURRINI

L'orgoglio della nazionale in un Monigo strapieno


TREVISO - (sf) Niente da fare, come previsto, per l'Italia contro i fortissimi All Blacks nella giornata d'esordio dei Mondiali under 20. La squadra di Andrea Cavinato comunque esce a testa alta tra gli applausi del pubblico del Monigo, gremito in ogni ordine di posto.

Gli azzurrini effettuano oltre duecento placcaggi nel corso degli ottanta minuti, ma devono comunque arrendersi di fronte ad una squadra imbattuta da tre anni a livello giovanile: sostenuti dal pubblico delle grandi occasioni, gli uomini di Cavinato offrono una prestazione fatta di coraggio ed aggressività, ma è chiaro già dal primo quarto d’ora che sarà durissima. Nei primi quindici minuti, infatti, i Baby Blacks varcano due volte la linea di meta italiana con il loro gioco velocissimo e fisico al tempo stesso, ma l’Italia non rinuncia alla lotta e combatte su ogni pallone: i trequarti neozelandesi producono un incredibile volume di gioco, gli Azzurrini si sacrificano su ogni palla – il numero otto Bocchi, toccato duro, esce prima della mezzora – ma vanno a riposo in svantaggio 0-36.

Il primo quarto d’ora della ripresa, tra l’entusiasmo del pubblico, è però tutto o quasi di marca italiana, con la mischia guidata da capitan Leso che mette in crisi in più di un’occasione il pack neozelandese. Il coraggio italiano viene premiato all’undicesimo del secondo tempo, con Palazzani prima e Cosulich poi che trovano il varco giusto nella difesa avversaria prima di servire l’enfant du pays Michele Visentin che schiaccia in meta facendo diventare il Monigo una bolgia.

Poi la Nuova Zelanda torna a macinare gioco, l’Italia cede ma non si sfalda – quattro le mete tuttenere nella ripresa – e a fine gara, nonostante il passivo di cinquantasette punti, può raccogliere l’applauso e l’abbraccio degli oltre cinquemila sostenitori accorsi allo stadio di Treviso.

Martedì 14, al “Battaglini” di Rovigo (ore 20.10), gli Azzurrini torneranno in campo nel secondo turno del mondiale italiano sfidando l’Argentina, fermata oggi a Padova per 34-8 dal Galles.

ITALIA-NUOVA ZELANDA 7-64

Marcatori: p.t. 3’ m. Piutau (0-5); 12’ cp. Anscombe G. (0-8); 14’ m. Scott tr. Anscombe (0-15); 20’ m. Piutau tr. Anscombe (0-22); 30’ m. Luatua tr. Anscombe (0-29); 38’ m. Saili tr. Anscombe G. (0-36); s.t. 11’ m. Visentin tr. Palazzani (7-36); 15’ m. Anscombe G. tr. Anscombe G. (7-43); 22’ m. Sopoaga tr. Anscombe G. (7-50); 29’ m. Perenara tr. Anscombe G. (7-57); 34’ m. Barrett tr. George (7-64)

Italia: Cosulich; Morsellino, Alberghini (21’ st. Calabrese), Menon (26’ st. Gennari), Visentin; Bruni (16’ st. Campagnaro), Palazzani; Bocchi (26’ pt. Riccioli), Ghiraldini E., Brancoli; Mammana, Balsemin (17’-26’ pt., 1’ st. Gerosa); Leso (cap, 26’ st. Cagna), Lupetti (4’ st. Maistri), Quaglio (37’ st. Lupetti)

all. Cavinato

Nuova Zelanda: Piutau (18’ st. Barrett); Scott, Robertson, Sopoaga, Saili; Anscombe G. (31’ st. George), Weber (18’ st. Perenara); Axtens, Cane (31’ st. Bedwell-Curtis), Whitelock (cap); Bird, Luatua (18’ st. Shields); Kainga, Setefano (31’ st. Taylor), Pleasants-Tate (31’ st. Sakalia)

all. Anscombe M.

Cartellini: 3’ st. giallo Pleasants-Tate (Nuova Zelanda)

Arbitro: Hodges (Galles)

Note: terreno in ottime condizioni, serata limpida, 5473 spettatori paganti