Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Omicidio Pedron: cancellate anche le aggravanti

PRESCRITTO DAVID ROSSET

La baby sitter di Portobuffolè uccisa il 2 febbraio 1988


TRIESTE – (gp) Il verdetto pronunciato dal Tribunale dei Minori di Trieste di fatto assolve dall'accusa di omicidio volontario il 37enne pordenonese David Rosset, alla sbarra come unico imputato per la morte di Annalaura Pedron, la baby-sitter di Portobuffolè uccisa a 21 anni il 2 febbraio del 1988 nella casa in cui accudiva un bimbo. I giudici, dopo 7 ore di camera di consiglio, hanno stabilito il “non doversi procedere per intervenuta prescrizione” nei confronti di Rosset. Il tribunale è anche giunto alla conclusione di non riconoscere due delle tre aggravanti contestate al 37enne, ovvero la violenza e i futili motivi, dichiarando poi equivalente all'attenuante della minore età dell'imputato (non aveva ancora 14 anni al momento dei fatti) l'aggravante del mezzo utilizzato per commettere l'omicidio. Secondo l'accusa a uccidere Annalaura era stato proprio David Rosset: il giovane si sarebbe infatuato della sua baby-sitter e di fronte a un rifiuto si sarebbe scatenata la furia omicida.