Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Omicidio Pedron: cancellate anche le aggravanti

PRESCRITTO DAVID ROSSET

La baby sitter di Portobuffolč uccisa il 2 febbraio 1988


TRIESTE – (gp) Il verdetto pronunciato dal Tribunale dei Minori di Trieste di fatto assolve dall'accusa di omicidio volontario il 37enne pordenonese David Rosset, alla sbarra come unico imputato per la morte di Annalaura Pedron, la baby-sitter di Portobuffolè uccisa a 21 anni il 2 febbraio del 1988 nella casa in cui accudiva un bimbo. I giudici, dopo 7 ore di camera di consiglio, hanno stabilito il “non doversi procedere per intervenuta prescrizione” nei confronti di Rosset. Il tribunale è anche giunto alla conclusione di non riconoscere due delle tre aggravanti contestate al 37enne, ovvero la violenza e i futili motivi, dichiarando poi equivalente all'attenuante della minore età dell'imputato (non aveva ancora 14 anni al momento dei fatti) l'aggravante del mezzo utilizzato per commettere l'omicidio. Secondo l'accusa a uccidere Annalaura era stato proprio David Rosset: il giovane si sarebbe infatuato della sua baby-sitter e di fronte a un rifiuto si sarebbe scatenata la furia omicida.