Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre persone condannate per spaccio di stupefacenti

UN KG DI MARIJUANA: 12 ANNI

A incastrarli, nel novembre 2008, un agente infiltrato


TREVISO – (gp) Quattro anni di reclusione a testa e 17 mila euro di multa. Queste le condanne inflitte dal giudice Angelo Mascolo al barista 52enne di Spresiano Roberto Mosele, al buttafuori pugliese di 53 anni Sergio Cariddi, residente a Riese Pio X, e all'udinese Maurizio Rilande. La corte, a fronte di una richiesta a una pena di 7 anni ciascuno, ha giudicato prevalenti le attenuanti generiche rispetto alla recidiva specifica. Una sentenza che i legali degli imputati hanno definito anomala e ne attendono il deposito delle motivazioni per presentare ricorso in appello. I fatti risalgono al 28 ottobre 2010. Rilande, seguito da tempo dalla squadra mobile di Udine, venne beccato ad Adignano con un chilo e 400 grammi di marijuana in auto. Gli agenti entrarono in azione poco dopo che l'uomo aveva acquistato lo stupefacente da Mosele e Cariddi, per i quali scattò immediata l'ordinanza di custodia cautelare in carcere. A incastrare i tre sarebbe stata una quarta persona, secondo quanto sostenuto dalla Procura trevigiana, ovvero un agente sotto copertura della polizia di Udine.