Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il manager trevigiano sentito dai pm milanesi

MARIO CAL SENTITO IN PROCURA

Nel mirino il crac da 900 mln dell'ospedale San Raffaele


MILANO – (gp) E' stato interrogato in procura a Milano Mario Cal, il 71enne manager trevigiano da tempo cassiere dell'ospedale meneghino San Raffaele. Il sostituto procuratore Luigi Orsi vuole infatti vederci chiaro in merito al buco da 900 milioni di euro della struttura sanitaria privata di don Luigi Verzè. Il San Raffaele è infatti sull'orlo del fallimento con debiti che superano il miliardo di euro. Il ruolo da vicepresidente della fondazione che controlla la struttura per Mario Cal sembra essere al capolinea. All'ospedale intanto servono 50 milioni di euro subito soltanto per pagare gli stipendi dei dipendenti. Per salvare dal crac l'ospedale milanese si sta muovendo anche il Vaticano: lo Ior, la banca della Santa Sede, fin dall'inizio si era detta disponibile a rilevare una parte della quota societaria e ora sembra il momento adatto per trovare il denaro necessario a ristrutturare il debito e salvare l'ospedale dal concordato fallimentare che farebbe finire in procura tutti gli ex manager, in testa ai quali ci sarebbe proprio il trevigiano Mario Cal.