Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Incastrato dagli esperti di Parma e condannato

IL RIS PER UN OSSOCOLLO

Otto mesi a Daniele Scomparin, 49enne di Ceggia


TREVISO – (gp) Per il furto di un ossocollo sono stati scomodati anche i Ris di Parma per assicurare alla giustizia il ladro. E le nuove tecniche di investigazione hanno dato il risultato sperato. A introdursi nell'abitazione del signor Gilberto Zorzetto in via Vittoria a Cessalto la notte del 27 agosto 2006 era stato proprio Daniele Scomparin, 49enne di Ceggia, che è stato condannato a 8 mesi di reclusione. Un lavoro da scienziati per beccare un pesce piccolo che è costato molto di più di quanto è stato realmente sottratto al legittimo proprietario, ovvero 4 chili di ossocollo e 3 di pancetta per un valore totale di appena, si f per dire, 500 euro. A incastrare il malvivente sono state sia le gocce di sangue che aveva lasciato sul luogo del delitto tagliando un insaccato per assaggiarlo, sia i mozziconi di sigarette che gli agenti avevano rinvenuto nella sua casa una volta entrato nella cerchia dei sospettati. Tutti reperti che sono stati spediti al Ris per le analisi e che hanno tracciato il profilo genetico del ladro. Ma a fronte di una richiesta di condanna a tre anni di carcere il giudice Angelo Mascolo, vista l'entità del danno, ha inflitto una pena molto più bassa.