Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al via il processo del 20enne Edward Anyam Chukudi

ABUSA DELL'AMICA 17ENNE

In aula il racconto della vittima, una colombiana


CONEGLIANO – (gp) Erano amici da qualche tempo, niente di più. Almeno questo è quanto pensava lei, una colombiana di 17 anni che il 3 agosto del 2009 è rimasta vittima degli istinti di un nigeriano di tre anni più grande, Edward Anyam Chukudi, finito davanti al collegio di giudici del tribunale di Treviso per violenza sessuale su minore. La ragazza si stava facendo una doccia mentre il giovane la stava aspettando in salotto. Quando la colombiana è uscita dal bagno però si è trovata il nigeriano di fronte, che prima le ha impedito di rivestirsi e poi l'ha sbattuta sul divano di casa. Erano soli e soltanto la resistenza della giovane alla fine hanno fatto desistere il nigeriano il quale, dopo esserle saltato addosso e averla toccata ovunque cercando di baciarla, è uscito di casa. La giovane, sotto choc per quanto accaduto, ha deciso di denunciare il fatto alle forze dell'ordine mandando il ragazzo a processo. In aula, rispondendo alle domande del pubblico ministero e della difesa dell'imputato, la colombiana ha ricostruito quei terribili momenti confermando in ogni sua parte, anche nei minimi particolari, la testimonianza resa in sede di denuncia. La prossima udienza, e la probabile pronuncia della sentenza, è stata fissata per il prossimo 9 febbraio.