Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al via il processo del 20enne Edward Anyam Chukudi

ABUSA DELL'AMICA 17ENNE

In aula il racconto della vittima, una colombiana


CONEGLIANO – (gp) Erano amici da qualche tempo, niente di più. Almeno questo è quanto pensava lei, una colombiana di 17 anni che il 3 agosto del 2009 è rimasta vittima degli istinti di un nigeriano di tre anni più grande, Edward Anyam Chukudi, finito davanti al collegio di giudici del tribunale di Treviso per violenza sessuale su minore. La ragazza si stava facendo una doccia mentre il giovane la stava aspettando in salotto. Quando la colombiana è uscita dal bagno però si è trovata il nigeriano di fronte, che prima le ha impedito di rivestirsi e poi l'ha sbattuta sul divano di casa. Erano soli e soltanto la resistenza della giovane alla fine hanno fatto desistere il nigeriano il quale, dopo esserle saltato addosso e averla toccata ovunque cercando di baciarla, è uscito di casa. La giovane, sotto choc per quanto accaduto, ha deciso di denunciare il fatto alle forze dell'ordine mandando il ragazzo a processo. In aula, rispondendo alle domande del pubblico ministero e della difesa dell'imputato, la colombiana ha ricostruito quei terribili momenti confermando in ogni sua parte, anche nei minimi particolari, la testimonianza resa in sede di denuncia. La prossima udienza, e la probabile pronuncia della sentenza, è stata fissata per il prossimo 9 febbraio.