Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sceglie il silenzio il 37enne bellunese di Trichiana

DAL MAGRO NON RISPONDE

In cella per aver rapinato 3 lucciole in Pontebbana


TREVISO – (gp) Interrogato nel carcere di Santa Bona dal gip Umberto Donà ha deciso, su consiglio del suo legale, l'avvocato Fabio Capraro, di avvalersi della facoltà di non rispondere, presentando la richiesta di modifica della misura di custodia cautelare. Il giudice, convalidato l'arresto, scioglierà le riserve nelle prossime ore per il caso che vede indagato il 37enne bellunese di Trichiana Roberto Dal Magro, finito in manette per aver aggredito tre lucciole lungo la Pontebbana. Gli inquirenti che lo hanno fermato a Godega Sant'Urbano martedì sera lo avevano definito un “rapinatore seriale” in quanto, utilizzando lo stesso modus operandi, puntava un coltello contro le prostitute con le quali aveva concordato una prestazione sessuale per rapinarle dei soldi, del cellulare e degli indumenti intimi, abbandonandole in strada terrorizzate e completamente nude. Una volta sentite le testimonianze delle ragazze rimaste vittima, i carabinieri avevano presto rintracciato l'uomo nella cui auto erano stati ritrovati vari indumenti femminili, il coltello, un affilacoltelli e una corda con tanto di cappio. Le indagini intanto continuano per verificare eventuali coinvolgimenti dell'uomo in altre due rapine ai danni di prostitute, sempre nella stessa zona.