Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Dietro le sbarre Giuseppe Mirizzi e Raffaele Conte

DUE ESTORSORI IN MANETTE

Pretendevano 160 mila euro da un imprenditore


MONTEBELLUNA – (gp) Volevano spillare 150 mila euro a un imprenditore montebellunese in difficoltà economiche ma sono stati beccati dai carabinieri di Treviso e arrestati. In manette sono finiti 51ennne di Bari Giuseppe Mirizzi e il 31enne di Latina Raffaele Conte, e su entrambi pende l'accusa di estorsione. Attraverso canali ancora ignoti agli inquirenti erano riusciti ad agganciare l'imprenditore 60enne chiedendogli, con metodi chiaramente mafiosi, di restituire un vecchio debito di 187 milioni di euro contratto nel 1997. Titolare di un'impresa edile fallita nel 2005, l'imprenditore si era visto contattare dai due malviventi che chiedevano, con gli interessi, 160 mila euro. Una vera e propria estorsione in stile Camorra che l'uomo ha reso nota agli inquirenti facendo scattare il blitz alla consegna del denaro. Dopo i primi avvertimenti infatti, il 60enne era riuscito a ottenere un cospicuo sconto (1500 euro come rimborso spese e poi appena 400 euro come acconto) e aveva dato appuntamento agli estorsori per il pagamento. Al bar individuato come luogo di scambio però i due uomini hanno trovato ad attenderli 5 carabinieri mischiati al personale all'interno del locale e altri 8, divisi in 4 pattuglie, all'esterno. Un blitz da film come spiega ai nostri microfoni il comandante della compagnia dei carabinieri di Montebelluna, il capitano Nicola Fasciano.


Galleria fotograficaGalleria fotografica